Ladakh il piccolo Tibet

Hard

Il Ladakh, chiamato anche Piccolo Tibet, è una regione dell’India settentrionale e fa parte dello stato di Jammu/Kashmir. E’ una bellissima regione montana racchiusa tra le catene dell’Himalaya e del Karakorum, famosa per la cultura tibetana che qui ha trovato un luogo pacifico per installarsi e per i suoi bellissimi monasteri buddisti. Il percorso che ti proponiamo inizierà nella splendida cittadina di Leh,capoluogo della regione, famosa per il Palazzo Reale e la sua collocazione e poi per la maggior parte del tempo borderà fiumi, laghi cristallini come il Tsomoriri e Pangon tso si inoltrerà nella valle del rio Indo e del del Nubra. Un tracciato che regalerà panorami mozzafiato, spazi infiniti, e che ci avvicinerà molto alla pacifica cultura tibetana.

Molti saranno gli incontri con la gente del posto; pastori nomadi con le loro greggi, monaci, pellegrini, persone carismatiche e umili che ci regaleranno belle emozioni. Tutto si svolgerà a ritmo lento, per aiutare i nostri polmoni e il nostro cuore e apprezzare al massimo questi luoghi paradisiaci.

26 Jul 2015
Photos of the last travel in Ladakh il piccolo Tibet

1° tappa – Leh (3450mslm)
Incontro in hotel, montaggio bici e verifica,cena di presentazione.
Pernottamento: hotel

2° tappa – Leh (3450mslm)
Camminata in zona per acclimatarsi con visita al palazzo reale.
Pranzo libero.
Pernottamento: hotel

3° tappa – Thiksey (3300mslm)
Visiteremo i monasteri più rappresentativi della zona. Partiremo in mezzo e raggiungeremo Shey, 15 km a sud di Leh. Era un tempo la residenza estiva dei re del Ladakh, l’attrazzione principale è la statua del Budda Shakyamuni 12 metri di altezza che si trova all’interno del Dresthang Gompa. In seguito visiteremo il monastero di Hemis, appartiene all’ordine dei Drukpa ed è considerato uno tra i più bei monasteri del Ladakh,infatti la sua posizione e le decorazioni colpiscono molto.
Terminata la visita, in sella alla bicicletta pedaleremo i 23 km che rimangono per arrivare a Thiksey,meta finale della giornata anch’essa famosa per la posizione spettacolare del suo monastero.
Pedalata: 23 km.
Dislivello: + 150 – 300
Pernottamento: Guest house

4° tappa – Himya (3650msnm)
Continueremo la nostra pedalata bordando il fiume Indo fino al paese di Chumathang, famoso per la fonte di acqua termale ritenuta miracolosa per i dolori .
Pedalata: 60 km.
Dislivello: + 800. – 400
Pernottamento: camping

5° tappa – Chumathang (4050 mslm)
Continueremo la nostra pedalata bordando il fiume Indo fino al paese di Chumathang, famoso per la fonte di acqua termale ritenuta miracolosa per i dolori .
Pedalata: 60 km.
Dislivello: + 800. – 400
Pernottamento: camping

6° giorno – Sumdo (4385msnm)
Dopo aver attraversato il ponte a Mahe (4200msnm), ci allontaneremo dal fiume Indo ed entreremo in una stretta valle per raggiungere il verde paese di Sumdo. Accamperemo ai piedi del nostro primo passo di alta montagna.
Pedalata: 36 km.
Dislivello: +470. – 100
Pernottamento: camping

7° giorno – Korzog (4550msnm)
Saliremo gradualmente per 11.5 km al passo Nusguur La a 4840mslm e poi discenderemo con belle viste sull’ azzurro lago Kyagar Tso. Proseguiremo su un percorso sterrato fino al paese de Korzog situato sulla sponda del lago Tsomoriri.
Pedalata: 40 km.
Dislivello: +500. -350
Pernottamento: Guest house

8° giorno – Korzog (4550msnm)
Giorno libero per riposare e acclimatarsi ulteriormente. Trekking in zona per ammirare il lago e conoscere come vive la gente del paese.
Pernottamento: Guest house

9° giorno – Tsokar (4532msnm)
Ritorneremo in veicolo al passo di Nusguur La 4840mslm e da lì inizieremo a pedalare. 12 km ci porteranno alla località di Sumdo. Inizieremo gradualmente a salire verso il passo Pololongka (4970mslm) per poi riabbassarci con una ventina di km al paesino di Pongunagu (Tsokar) (4532mslm).
Pedalata: 52 km.
Dislivello: – 1100 + 550
Pernottamento: Guest house

10° giorno – Ubshi (3370 mslm)
I primi 20 km li realizzeremo su un altipiano, i successivi 20 su terra e in leggera salita ci porteranno al passo Tanglang-La ( 5330 m) .Ci godremo poi una discesa di 60 km su asfalto con soste ai pittoreschi abitati di Rumtse, Gya, Rong.
Pedalata: 102km ( 20km de ripio). Desnivel: + 850 – 2000
Pernottamento: camping.

11° giorno – Sakti (3950 mslm)
Pedaleremo nuovamente al lato del fiume Indo per 16 km e poi devieremo per una bella valle . Passeremo per il monastero di Chemrey e termineremo la giornata a Sakti.
Pedaleo: 32 km. Desnivel: +700 – 150
Pernottamento: Guest house

12° giorno – Pangong Tso (4300mslm)
30 km di salita molto graduale ci condurranno al passo Chang La a 5360 nmslm. 30 km in discesa a Durbuk. Caricheremo le biciclette sul mezzo di appoggio e andremo verso lo spettacolare lago di Pangong Tso.
Pedalata: 60 km. Desnivel: + 1500 – 1500.
Pernottamento: Camping

13° giorno – Shyok (3650mslm)
Pedaleremo vicino al lago Pangong Tso. Un piccolo passo ci permetterà poi di discendere verso la valle del fiume Shyok
Pedalata: 65 km.
Dislivello: – 800 + 400
Pernottamento: Camping

14° giorno – Agyam (3300mslm)
Un tracciato di terra con pochissimo dislivello che si sviluppa in parte vicino al fiume Shyok ci porterà nella pianura di Agyam. Tappa tranquilla prevalentemente in discesa.
Pedalata: 40 km di asfalto e terra.
Dislivello: -500 +200
Pernottamento: Camping

15° giorno – Duskit (3150mslm)
Transiteremo la Nubra Valley, conosciuta come Ldumra o “valle dei fiori”. Un tempo centro commerciale importante sulla famosa Via della Seta . Pedaleremo vicino al fiume Shyok, e con la vista di montagne spettacolari arriveremo a Duskit . Nel pomeriggio potremo raggiungere la località di Hunder (10 km) per ammirare le dune di sabbia e magari cavalcare un cammello bactriano.
Pedalata: 60 km.
Dislivello: -400 + 150
Pernottamento: Guest house

16° giorno – Sumur (3150)
Una tappa tranquilla con viste di cime innevate ,clima più mite e cambi di vegetazione.Visiteremo il monastero di Samsthanling
Pedalata: 30 km.
Dislivello: + 300 -300
Pernottamento: Guest house

17° giorno – Kardung (4680)
Tappa di avvicinamento al passo Kardung La ,la affronteremo con molta calma aiutati anche dall’acclimatazione che abbiamo raggiunto nei giorni precedenti.
Pedalata: 62 km.
Dislivello: +1600 – 200.
Pernottamento: camping ai piedi del passo Kardung La

18° giorno – Kardung La (5360mslm) – Leh (3450mslm)
Giornata importante che coronerà il nostro viaggio e l’impegno fisico. Un passo importantissimo che mette in collegamento Kashgar con Leh e la Cina. Un passo venduto dal “business indiano” come il passo transitabile più alto del mondo per attirare bikers e turisti. In realtà non misura 5600 m come viene venduto,ma 5360m. Questo comunque non toglierà nulla alla nostra impresa.
Cena di saluto.
Pedalata: 50 km.
Dislivello: -1900 +850
Pernottamento: Hotel

19° giorno – Transferimento in aeroporto.

Leh (3450msnm), Shey, Tiksey, Hemis, Chumatang (4050m). Lago Kyagar Tso (4600). Korzog (4550m) Lago Tsomoriri (4500m). Tsokar (4532m). Ubshi(3350m). Paso Taglang - La (5330 m). Sakti (3950). Lago Pangong Tso (4300msnm). Paso Chang La(5360m). Shyok (3650m). Nubra Valley; Duskit y Sumur. Paso de Kardung La (5360m). Leh (3450)

775 km ( più dell’ 80 % su asfalto, non sarà sempre in buono stato,ma presenterà tratti in rifacimento o di terra) . Il percorso si sviluppa tra i 3000 e i 5350mslm.

medio/alta, con qualche tratto esigente
La pianificazione delle tappe e il ritmo lento ci pemetteranno una graduale acclimatazione. In questo modo raggiungeremo senza troppe difficoltà le mete più impegnative. La pendenza del pecorso non supererà il 6 % di inclinazione ,i veicoli di appoggio ci seguiranno e saranno disponibili per ogni tipo di necessità. Nel percorso faremo tre passi che superano i 5300 m ,per chi desidererà ci sarà la possibilità di fare la salita con il mezzo di supporto e ridiscendere in bicicletta.
Il dislivello positivo totale del percorso è di 9500 m.
Si pedalerà una media giornaliera di 52 km , e 640 m di dislivello positivo
Nella maggior parte delle giornate la pedalata terminerà nel primo pomeriggio ,questo ci permetterà di riposare e conoscere i dintorni.

Potranno variare tra i 5°C e i 25°C. Nelle zone più alte durante la notte la temperatura potrà abbassarsi sotto gli 0° C. Luglio è il periodo ideale per viaggiare in queste zone, il tempo è stabile e generalmente buono.

Mariano Lorefice,una guida locale e un equipe che si occuperà della cucina e allestimento campi.

una mtb robusta, revisionata e dotata di gomme scorrevoli. Ci sarà la possibilità di noleggiare la bici a Leh.
Imballaggio:in questo viaggio per imballare la bici si potranno usare borse morbide/semirigide o cartoni.Gli imballaggi verranno lasciati nell’hotel dove sosteremo la prima notte e recuperati a fine viaggio.
La bicicletta si può noleggiare a Leh.

durante la giornata verrà distribuito un pack-lunch contenente cibo per il pranzo e altri alimenti energetici.

8 people. Maximum: 12. It is important to register early on in order to book flights.

per questioni di praticità sarà opportuno avere lo stretto necessario in un unico bagaglio e di misure ragionevoli. E’ inutile portare troppe cose,ci si vestirà a cipolla e ogni tanto ci sarà la possibilità di lavare gli indumenti.
Mezzo di assistenza: furgone e jeep (il numero dei mezzi dipenderà dal numero di partecipanti). Trasporterà i bagagli ed eventualmente le persone che ne avranno bisogno.

Passaporto con validità residua di almeno sei mesi al momento dell’arrivo. Visto India: Le pratiche per la richiesta del visto possono essere svolte personalmente (consolato indiano a Milano)oppure dall’agenzia che emette i voli per Delhi.(Il passaporto dovrà avere almeno 3 pagine libere).

La moneta è la Rupia Indiana.

Nessuna vaccinazione obbligatoria, per informazioni relative alle vaccinazioni consigliate vi preghiamo di consultare il sito www.viaggiaresicuri.it Noi consigliamo, in ogni caso, di essere coperti da antitetanica.
Poiché si tratta di un viaggio in alta quota, richiediamo obbligatoriamente un certificato medico di idoneità fisica alla quota.
Molte sono le fonti informative sulle problematiche in alta montagana, noi vi consigliamo la lettura di un volumetto semplice, completo e ben scritto: "Salute in alta quota" di Jean-Paul Richalet, ed. ZetaBeta

  • Permesso di ingresso in Ladakh.
  • I pernottamenti in hotel, guest house, campeggi, come da programma
  • Tutto il cibo e i rifornimenti durante la giornata
  • La presenza di Mariano Lorefice, supportato da una guida locale e da un equipe che si occuperà della cucina e montaggio campi tendati
  • Tenda per due persone
  • Le visite ai monasteri
  • Veicolo/i d'appoggio
  • Assistenza meccanica

  • Tassa aeroportuale
  • Visto per ingresso in India
  • Cibo nei giorni liberi /cene libere ed escursioni facoltative
  • Bevande alcoliche e bibite extra pasto
  • Mancia all’equipe che ci assisterà