Quebrada de Humahuaca e Abra de Acay

Hard

L’itinerario può essere realizzato anche nelle versioni ridotte:
Quebrada de Humahuaca o l’Abra de Acay

Questo percorso offre la possibilità di conoscere i luoghi più famosi e attrattivi della Quebrada de Humahuaca e l’Abra de Acay; un passo andino che con i suoi 4895 m rappresenta uno dei passaggi stradali più alti d’America. Dichiarata patrimonio dell’Unesco dal 2003,la Quebrada de Humahuaca è un’enorme valle,una grande spaccatura,una combinazione di meravigliosi paesaggi colorati e abitati che conservano molte tracce della cultura precolombina e coloniale. Impattanti i contrasti tra i paesaggi aridi della Puna e la folta vegetazione delle yungas. Aeree discese serpeggianti mostreranno la bellezza della costa del Lipan e ci porteranno nell’originale  paese di Iruya.
L’Abra de Acay è il punto più alto della Ruta Nazionale 40 e si trova nel dipartimento “La Poma” nella provincia di Salta. E’ un luogo affascinante per il suo isolamento e la vista di aride montagne,ma anche di cime innevate come il nevado di Cachi (6380 m) e il nevado de  Acay (5750 m).

Un percorso  sterrato che non presenta difficoltà tecniche,anche se a volte le piogge estive smuovono il fondo e creano  guadi. Una salita che rappresenta una sfida;una conquista aiutata da tappe ben pianificate per avere una buona acclimatazione.

Oltre all’aspetto ambientale, dedicheremo tempo anche all’aspetto culturale,con visite a siti  e degustazione di cibi tipici. Empanadas, humitas e altri piatti tipici saranno un ottimo carburante per le nostre pedalate oltre che a darci la possibilità di conoscere le tradizioni dei luoghi che visiteremo.

1 Nov 2015
Photos of the last travel in Quebrada de Humahuaca e Abra de Acay

1° giorno – Jujuy:
Incontro a Jujuy all’hotel Termas de Reyes . Montaggio bicicletta. Cena di presentazione.
Pernottamento: hotel.

2° giorno -Purmamarca (2200mslm):
Inizieremo il viaggio pedalando su sterrato; un percorso di cornice immerso nel verde lussureggiante del Parco provinciale Laguna de Yala (2100m),scenderemo successivamente verso l’abitato di Yala(1450 m) per immetterci sulla strada asfaltata che ci porterà verso la Quebrada de humahuaca. Immediato il cambio di paesaggio con i primi cactus e montagne colorate.
Percorsi una trentina di km caricheremo le biciclette sul mezzo e raggiungeremo il paese di Purmamarca dove potremo conoscere il prezioso percorso “paseos de los colorados”.
Pedalata: 60 km (35 km sterrato).
Dislivello: + 900/ – 800m.
Pernottamento: cabañas

3° giorno – Purmamarca (2200mslm)
Saliremo in mezzo la Cuesta del Lipan e arriveremo a Salinas Grandes (3400m), uno dei più bei paesaggi della Puna;uno specchio di sale che con il cielo crea giochi di luce particolari e regalaerà scatti originali. Sempre in mezzo inizieremo il rientro e poco prima dell’Abra de Potrerillos (4170 mslm) inforcheremo le biciclette e raggiungeremo il passo. Poi per una spettacolare e serpeggiante discesa di 25 km e 2000 m di dislivello scenderemo la Cuesta del Lipan fino ad una deviazione che ci porterà per sterrato nella Quebrada de Huachichocana. Tra cactus e terreno ondulato raggiungeremo un piccolo abitato costituito da una scuola e due case dove avremo modo di conoscere l’unica famiglia che ci vive e i pochi bambini che frequentano la scuola. Per lo stesso cammino rientreremo a Purmamarca.
Cena libera
Pedalata: 65 km (25 km di sterrato)
Dislivello: + 500m/- 2400m
Pernottamento: cabañas

4° giorno -Humahuaca (3000mslm):
Dopo aver pedalato un tratto sulla strada principale ,all’altezza del paese di Maimara devieremo per un cammino secondario che a tratti percorrerà la vecchia ferrovia e si snoderà in mezzo a coltivazioni di verdura. Trovato il punto più facile per attraversare il fiume Rio Grande seguiremo sempre su sterrato ondulato fino al paese di Tilcara (2460mslm) passando per il Pucara;un sito archeologico risalente all’epoca precolombinas, dove si può comprendere come vivevano gli indigeni omaguacas e ammirare lo splendido paesaggio dall’alto della sua posizione. Dopo la visita del colorato mercato e una camminata tra le vie del paese riprenderemo la strada principale per raggiungere Uquia,un piccolissimo paese, noto per la sua preziosa cappella,ornata d’ oro e quadri raffiguranti angeli archibugieri della scuola cuschegna .Proseguiremo la nostra pedalata fino a Humahuaca.
Pedalata: 65 km (prevalentemente asfalto)
Dislivello : + 900m /- 200m
Pernottamento: ostería

5° giorno – Humahuaca (3000mslm):
Una bellissima pedalata ad anello ci mostrerà la bellezze paesaggistiche dei dintorni del paese. Avremo poi tempo di conoscere il caratteristico paese, camminando tra le via acciottolate ,tra tipiche case in “adobe” e vetrine ricche di artigianato locale.
Cena libera.
Pedalata: 50 km. (sterrato)
Dislivello: + 450m /- 450m
Pernottamento: osteria.

6 ° giorno – Iruya- Humahuaca:
Trasferimento in mezzo a l’ Abra del Cóndor (3940mslm) poi un eccitante discesa di sterrato lunga 19 km e con un dislivello di 1220 m ci porterà al singolare paese di Iruya (2780mslm). Il paesaggio è mozzafiato per la varietà di colori della terra e la forma delle montagne circostanti.
Il rientro a Humahuaca sarà opzionale;si deciderà in loco se farlo esclusivamente con il mezzo o una parte in bicicletta.
Pedalata: 100 km.
Dislivello: + 1350m /- 2300m.
Pernottamento: osteria.

7° giorno – San Lorenzo (Salta, 1200mslm)
Trasferimento in mezzo di prima mattina alla località”la Caldera”dove inizieremo a pedalare l’antico cammino di cornice che unisce Jujuy a Salta;un angusto percorso in asfalto immerso nell’esuberante vegetazione della yungas e con la vista di laghi e dighe. Pernotteremo nella cittadina di S.Lorenzo;si trova a 10 km da Salta e gode fama per essere un luogo rilassante,ideale per chi vuole fare un immersione nella natura.
Pedalata: 60 km.(asfalto)
Pernottamento: cabañas.

8° giorno – Cachi (2280mslm):
Con un transfer arriveremo nella Quebrada de Escoipe, in prossimità di Agua Negra(1750m), punto dove il verde esuberante delle yungas lascia spazio ai cactus e alle rosse montagne. Inizieremo la lunga salita della Cuesta del Obispo,un percorso che ci porterà molto gradualmente alla sommità denominata “Piedra del Molino (3400mslm).Scenderemo verso la famosa recta TIN TIN e il Parque Nacional Los Cardones e raggiungeremo la bella Cachi.
Cena libera.
Pedalata: 92 km. (20 km di sterrato)
Pernottamento: osteria.

9°giorno – La Poma (3040m):
In questa tappa godremo il fascino dei bei paesaggi dellaValle Cachaqui e del rio Calchaquí ,un percorso con tratti angusti e improvvisi canion.
Pedalata: 58 km (sterrato)
Pernottamento: osteria.

10°giorno – Casa di Flavia (3940mslm)- La Poma (3040mslm):
Pedaleremo 33 km ,quasi esclusivamente in salita per raggiungere la casa della signora Flavia(3940 m)Lo faremo con estrema tranquillità,per goderci la pedalata e aiutare al massimo la nostra acclimatazione. Raggiunta la casa,praticamente l’unica in zona,avremo modo di conoscere la mitica Flavia,una signora che vive in modo molto spartano,isolata ,con i suoi fedeli animali. Lasceremo le biciclette da Lei e rientreremo alla Poma in mezzo. Questa strategia ci permetterà di dormire ancora a bassa quota e quindi di essere più riposati per intraprendere il giorno seguente la tappa che ci porterà alla cima
Pedalata: 33 km
Pernottamento: osteria.

11°giorno –San Antonio de los Cobres (3775mslm):
Ritorneremo in mezzo da Flavia e in bicicletta inizieremo l’ascesa al passo.15 km e 950m di dislivello quello che ci distanzierà dalla conquista del passo e la magia del posto. Dopo una meritata pausa all’Abra (4895m) inizieremo la lunga discesa che ci porterà a S.Antonio de los Cobres.
Pedalata: 59 km
Pernottamento: hotel

12° giorno – Campo Quijano (1500m)- Salta (1200m):
Un breve transfer fino alla Ruta Nacional 40 e poi in bicicletta verso Abra Blanca. Inevitabile una sosta a Santa Rosa de Tastil e alle sue rovine precolombine .Lunghi tratti si accompagneranno alla vista della ferrovia “Tren de las Nubes”, una tra le più alte al mondo. famosa per attraversare le montagne delle Ande. Continueremo la discesa verso la “Quebrada del Toro” fino a Campo Quijano, dove terminerà la nostra pedalata. Un trasferimento ci porterà a S.Lorenzo nello stesso alloggio del 7° giorno di viaggio. Imballaggio bici.
Cena di saluto.
Pedalata: 110 km (quasi totalmente n asfalto e in discesa)
Pernottamento: cabañas

13° giorno
Colazione e saluti

Jujuy,Termas de Reyes,Lagunas de Yala.Volcan.Tumbaya.Purmamarca,Cuesta de Lipan,Salinas Grandes,Huachichocana,Tilcara,Humahuaca,Iruya. Camino de cornisa, San Lorenzo (Salta),Cuesta del Obispo, Paque Nacional Los Cardones, Cachi, La Poma, Abra de Acay (4895mslm). San Antonio de los Cobres, Tastil, Quebrada del Toro, Salta.

750 km. Dislivello totale +8500 m / - 1200 m

media,con alcune giornate impegnative.
L’impegno è determinato dal fatto che si pedala quasi costantemente in altura,dai 2000 ai 3000 m e picchi più alti,fino a raggiungere i 4900 m.
I ritmi saranno molto tranquilli, con varie pause e tappe organizzate in modo che l’acclimatamento sia graduale.

Le temperature potranno oscillare tra i 5° e 25°C

Mariano Lorefice e un collaboratore.

consigliamo una MTB con gomme semi slick.

In questo viaggio per imballare le bici potranno essere usati cartoni o borse morbide completamente piegabili.

Ogni due/tre ore si faranno delle soste per rifornirsi di energia con barrette /frutta/
dolci. Una pausa più lunga per il pranzo che sarà costituito da cibi semplici.
Le cene in ristorante o cucinate dall’equipe.
Furgone con portabici. Trasporterà i bagagli e le persone che ne avranno bisogno.

8 persone

per questioni di praticità sarà opportuno avere lo stretto necessario in un unico bagaglio e di misure ragionevoli. E’ inutile portare troppe cose;durante il viaggio ci sarà la possibilità di lavare gli indumenti.

Passaporto con validità residua di almeno 6 mesi al momento dell'ingresso.

Nessun visto.

La moneta è il pesos argentino

Nessuna vaccinazione obbligatoria, per informazioni relative alle vaccinazioni consigliate vi preghiamo di consultare il sito www.viaggiaresicuri.it Noi consigliamo, in ogni caso, di essere coperti da antitetanica.
Poiché si tratta di un viaggio in alta quota, richiediamo obbligatoriamente un certificato medico di idoneità fisica alla quota (un controllo cardiologico in modo da escludere patologie o problematiche che potrebbero essere incompatibili con la quota)

  • La presenza di Mariano Lorefice e di un assistente
  • I pernottamenti in hotel / cabanas, come da programma
  • Tutti i trasferimenti come da programma
  • Tutto il cibo e i rifornimenti durante la giornata
  • Veicolo d'appoggio
  • Assistenza meccanica

  • Volo aereo
  • Bevande alcoliche /bibite
  • Cene libere
  • Ingresso a musei / siti archeologici
  • Mance e extra

  • Bicicletta mountain bike robusta. Revisionata accuratamente prima del viaggio
  • Kit manutenzione (2 camere ad aria - pompa)
  • Casco (obbligatorio)
  • Borraccia e/o camelbag
  • Zainetto o borsetta da bici obbligatorio. (per materiali pronto uso: giubbino... macchina foto... ecc...)
  • Scarpe per pedalare
  • Occhiali
  • Filtro solare e labiale
  • Medicine personali

  • (durante il viaggio ci sarà la possibilità di lavare gli indumenti)
  • Pantaloncini da bici corti e lunghi
  • Manicotti e gambali
  • Maglietta sintetica, manica lunga e corta
  • Giubbino antivento con e senza maniche
  • Pile o maglione
  • Calze sintetiche e di lana
  • Berretta, guanti e paracollo
  • Giacca / pantaloni impermeabili per la pioggia
  • Copri scarpe
  • Abbigliamento sportivo per tempo libero
  • Cappellino / bandana