Nepal e Tibet: L’odissea dell’Himalaya

Medium

Dal 2001 proponiamo questa grande avventura oramai per noi un “Grande Classico”!

In questa traversata dell’Himalaya faremo una graduale ascesa: dalle verdi vallate del Nepal ai piedi dell’Everest per raggiungere la nostra destinazione finale Lhasa. Poche agenzie offrono questa sfida e scelgono di farlo nella direzione opposta, secondo noi fare il percorso al contrario è togliere la magia dei luoghi e l’emozione trionfale di arrivare pedalando ai piedi del palazzo del Potala a Lhasa.

In Tibet ora il percorso è asfaltato e questo rende il viaggio più facile, ma lo sforzo continua ad essere importante e l’eccitazione di concludere questo mitico percorso sarà indimenticabile!

La catena Himalayana separa queste due terre conservando culture e paesaggi molto diversi tra loro: il Nepal, dove predomina il colore verde e l’acqua scorre tra risaie e cascate e il caldo porta le persone fuori casa e nei templi pieni di ghirlande di fiori; il Tibet, dove il colore che predomina è quello della terra e della roccia, dei nevai, dell’aria frizzante e dei laghi color turchese e dove le persone vivono la religione in modo raccolto nei monasteri illuminati da candele di burro.

L’Everest sarà un momento particolare del viaggio, e sarà innegabile l’emozione di esserci avvicinati così tanto con la nostra bicicletta.
Un viaggio che andrà vissuto e pedalato con calma per acclimatarci e godere al massimo dei paesaggi, degli incontri e tutte le situazioni uniche che avremo modo di vivere…
una conquista indimenticabile!

10 Ott 2013
Photos of the last travel in Nepal e Tibet: L’odissea dell’Himalaya

1 ° giorno – Kathmandu:
Arrivo, al mattino e incontro a Kathmandu (1.320mslm). Inizio. Cena di presentazione
Pernottamento: in hotel.

2 ° giorno – Kathmandu:
Gestione (visto) per visitare il Tibet. Pomeriggio libero. Possibilità di fare un giro per Kathmandu: visita a Pashupatihinath e Bhoudanath, la più grande stupa della valle. Visita alla città di Patan. Pasti liberi.
Pernottamento: in hotel.

3 ° giorno – Trisuli (650 mslm):
Attraverso un paesaggio con abbondante vegetazione dove è possibile vedere le terrazze di riso. Sezioni di terra e asfalto.
Distanza: 70 km. Pendenza: +350 – 900
Pernottamento: Guest house.

4 ° giorno: Dhunche (2150 mslm)
Continuiamo a salire attraverso bellissimi panorami.
Distanza: 60 km. Dislivello: +1600 – 150
Pernottamento: Guest house.

5 ° giorno – Gyiron (2800 mslm)
Entreremo in Tibet attraverso il Passo Gyirong (1800msnm). Sezioni stradali su terra e asfalto.
Distanza: 55 km. Dislivello: + 900 – 300
Pernottamento: Guest house.

6 ° giorno – Gyirong Valley o Zong Ga (4100 mslm)
Ascesa molto graduale attraverso una valle.
Distanza: 55 km. Dislivello: +1400 -200
Pernottamento: Guest house.

7 ° giorno – Giornata dell’acclimatazione nella valle di Gyirong (4100m )
Giornata di acclimatazione, con passeggiate tranquille e possibile visita ad un monastero.
Pernottamento: Guest house.

8 ° giorno – Pelku Tso (4500 mslm):
Saliremo per 30 km, fino a raggiungere il passo Zong La (5240 mslm) e poi scenderemo al lago Pelku.
Distanza: 65km. Dislivello: +1350 -850
Pernottamento: Guest house.

9 ° giorno – Tingri (4300 mslm):
Durante questa fase, avremo un leggero aumento di 5 km, per raggiungere il passo Lalung La (4800msnm), al km 70. Si tratta di una lunga fase e le probabilità di fare un tratto nel veicolo di supporto. Passeremo molto vicino alla Pagma Xixa e avremo una vista spettacolare di questa montagna.
Distanza: 135 km. Dislivello: + 450 -700
Pernottamento: Guest house.

10 ° giorno – Rongbuk (4900 mslm):
Tappa molto belle e panoramica. Al km 30 raggiungeremo il passo Lamna La (5100msnm). Finiremo nel monastero di Rongbuk, uno dei più alti del mondo
Distanza: 70 km. Dislivello: +1100 -500
Pernottamento: Guest house.

11 ° giorno – Campo base dell’Everest (5200 mslm) – Tashi Dzong (4300mts / m):
Andremo all’ingresso del campo base (8 km, terra) e poi pedaleremo, in discesa 50 km.
Distanza: 70 km. Dislivello: + 350 – 1300
Pernottamento: Guest house.

12 ° giorno – Shegar. (4300 mslm):
Saliremo fino a raggiungere il passo di Pang La (5150mslm). Questo passaggio offre una vista spettacolare dell’intera catena
dell’Himalaya. Scenderrmo verso Shegar.
Distanza: 60 km. Dislivello: + 1100 -1100
Pernottamento: Guest house.

13 ° giorno – Renda (4050 mslm):
Faremo una nuova salita, sempre con la vista dell’Everest e al km 60 raggiungeremo il passo di Lhakpa La (5220mslm). Poi una lunga discesa in bicicletta verso la città di Lhatse, situata in un’ampia e fertile vallata. Resteremo vicino alle sorgenti calde di Renda.
Distanza: 105 km. Dislivello: + 1100 -1400
Pernottamento: Guest house.

14 ° giorno- Shigatse (3860 mslm):
Tappa lunga ma facile, superando due brevi e facili passaggi: Yulong La (4520m) e Tra La (4050m).
Distanza: 125 km. Dislivello: + 500 – 800
Pernottamento: hotel

15 ° giorno – Shigatse (3860 mslm):
Giorno libero Possibilità di visitare il complesso monastico di Tashilumpo
Pernottamento: hotel.

16 ° giorno – Gyantse (4000 mslm):
Tappa molto scorrevole.
Visita a Palkor Chode, Khumbun di Gyantse. Pomeriggio e cena libera.
Distanza: 93 km. Dislivello: +250 -50
Pernottamento: hotel.

17 ° giorno – Nagartse (4400 mslm):
Faremmo il passo Karo La (5050m), con una vista mozzafiato dei ghiacciai e scenderemmo, alla riva del lago Yamdrok (“scorpione”) per la sua forma curiosa
Distanza: 102km. Dislivello: +1950 – 1800
Pernottamento: Guest house.

18 ° giorno – Lhasa (3650 mslm):
Saliremo, il nostro ultimo passo, il Kamba La (4750m) e poi una rapida discesa di 20 km, fino a raggiungere il ponte che attraversa il fiume Brahmaputra. Continuiamo il giro in bici lungo il fiume, fino a Lhasa, terminando ai piedi del “Palacio del Potala”
Distanza: 150 km. Dislivello: +1000 -1900
Pernottamento: hotel.

19 ° giorno – Lhasa:
Visiteremo i più importanti siti culturali di Lhasa: il mercato di Barkhor, il tempio di Jokhang e il Potala (opzionale). Pomeriggio e cena gratis.
Pernottamento: hotel.

20 ° giorno – Kathmandu:
Volo per Kathmandu. Cena di saluto.
Pernottamento: hotel.

21 ° giorno – Kathmandu:
volo di ritorno al luogo di origine

Il viaggio inizierà nell' affascinante Katmandu e dopo una visita ai luoghi più interessanti della città ci inoltreremo nelle verdi vallate e gole per iniziare la nostra risalita verso il confine con il Tibet. Passeremo, per Kakani, Trisuli e Dunche, fino ad arrivare al passo di Gyirong. In Tibet il percorso si snoda, in gran parte, per La "strada dell'amicizia" dal 2010 è asfaltata, ma nonostante questo i paesaggi sono rimasti ugualmente belli e il percorso impegnativo Tratti di strada che erano decisamente a rischio, ora sono più sicuri e agevoli.
Numerosi i passi, tra i più in quota: il passo Zong La (5240 mslm), Lalung La (4800msnm), Lamna La (5100msnm), Pang La (5150mslm), Lhakpa La (5220mslm), Karo La (5050m),
Tingri , bivio importante che ci porterà verso Rongbuk (4920 m) da dove accederemo al campo base dell’Everest.
Gyantse,Shigatse e molti altri piccoli paesi di montagna ci mostreranno ancora molto delle antiche tradizioni Tibetane e la spiritualità della sua gente. IL lago Yamdrok (4600m/slm), immenso specchio d'acqua turchese con la curiosa forma di uno scorpione. Coroneremo il nostro viaggio con l’arrivo a Lhasa, luogo che nonostante la prevaricazione cinese può considerarsi ancora la culla della cultura Tibetana .I pellegrini che vi arrivano hanno compiuto percorsi molto lunghi e faticosi per ridurre il ciclo delle reincarnazioni, ma anche per unirsi agli altri e mostrare la forza della loro fede.
Anche noi dopo il nostro percorso ci sentiremo particolarmente vicini a loro…

1.200 km. Asfalto in un 95%

Medio-alta; dipendendo delle condizione climatiche.
1200 km (95% asfalto), in 14 tappe di pedalata.
La pianificazione accurata delle tappe giornaliere, permetterà di raggiungere una graduale acclimatazione e godere quindi dei paesaggi e dei contatti con la gente.
Il dislivello positivo di tutto il viaggio sarà di 11.000 mt.
Nei tratti impegnativi, la pendenza non supera il 6%, pero ci sarà, un breve tratto, dove la pendenza arriverà al 12 %.
Si pedaleranno circa 7 ore al giorno e la media dei km giornaliera sarà di 85 km e una media 850mt di dislivello. Generalmente questo viaggio viene proposto al contrario, (Lhasa- Katmandu), ma per esperienza personale ritengo che per quanto possa sembrare più faticoso, perché ce più salita, per acclimatarsi ed evitare problemi, è la modalità migliore. E poi ovviamente, non toglierei il discorso "conquista". E' sempre di grande soddisfazione assaporare pian piano e raggiungere la "meta".

Le temperature potranno oscillare da una minima di -5° C (di notte e in quota) ad una massima di 25° C (Valle di Kathmandu) Potremo avere piogge nelle zone Nepalesi.

Il percorso è asfaltato in un 95% e consigliamo una MTB con gomme scorrevoli (semislik ), oppure una gravel. In questo viaggio per l’imballaggio bici potranno essere usati esclusivamente cartoni o borse morbide completamente piegabili. Non abbiamo spazio per portare scatole rigide o ingombranti.

Ogni due/tre ore si faranno brevi soste, per rifornirsi di acqua e qualche alimento energetico è una pausa più lunga, per il pranzo. Si consiglia, portare sempre qualche dolce o barrette personali. Il veicolo di appoggio sarà sempre disponibile e al seguito per qualsiasi necessità.

5 persone. Il costo aumenta per meno persone. L'iscrizione dovrà essere confermata con 4 mesi di anticipo rispetto alla data del viaggio al fine di facilitare una migliore organizzazione. ed eventualmente occuparci dei voli.

Il bagaglio deve essere di dimensioni ragionevoli e contenere solo l'attrezzatura necessaria per il viaggio. Questo è importante per la logistica e il trasporto. Una borsa, robusta e morbida è preferibile a una valigia rigida.

poichè si tratta di un viaggio in alta quota, richiediamo obbligatoriamente un certificato medico di idoneità fisica. Durante il viaggio saranno sempre presenti bombole di ossigeno grandi e piccole. In caso di malessere grave la prima regola sarà: abbasarsi di quota.
Molte sono le fonti informative sulle problematiche in alta montagana, noi vi consigliamo la lettura di un volumetto semplice, completo e ben scritto: "Salute in alta quota" di Jean-Paul Richalet, ed. ZetaBeta.

per informazioni relative alle vacciniazioni consigliate vi preghiamo di consultare il sito www.viaggiaresicuri.it. Noi consigliamo, in ogni caso, di essere coperti da antitetanica.

  • Gestione del visto e permesso per il Tibet
  • Assistenza permanente da parte di Mariano Lorefice, accompagnata da una guida locale.
  • Supporto veicoli per spostare le attrezzature e i ciclisti che lo desiderano.
  • Sistemazione in alberghi di categoria turistica e guest house in alcuni villaggi (vedi programma).
  • Tutti i pasti indicati nel programma.
  • Visite ai monasteri, ai musei e ai tour indicati, con una guida.

  • tasse aeroportuali, costo del visto China, 90usd
  • Bevande.
  • Pasti i giorno liberi.
  • Volo da Lhasa-Kathmandu (circa 340 usd). Anche se è possibile che chiunque lo desideri, ritornare da Lhasa al loro paese di origine.

  • Bicicletta mountain bike, con copertoni per asfalto, hibrida o gravel Revisionata accuratamente prima del viaggio.
  • Kit manutenzione (2 camere ad aria - pompetta).
  • Casco (obbligatorio).
  • Borraccia e/o camelbag.
  • Zainetto o borsetta da bici (per materiali a pronto uso: giubbino... macchina foto... ecc...).
  • Scarpe per pedalare e una scarpa robusta per i trekking.
  • Lampada frontale con pile di riserva.
  • Sacco a pelo (consigliamo un sacco a pelo con confort inferiore ai -5°C) e materassino.
  • Occhiali.
  • Filtro solare e labiale.
  • Medicine personali, e piccolo kit medicinali da viaggio.

  • Si consiglia di portare l'abbigliamento utilizzato per pedalare in un duro "inverno", tenendo conto che al mattino può raggiungere il congelamento. Si stima una temperatura minima di -5 ° C (solo di notte) e un massimo di 25 ° C.